politica

Il prezzo della nostra generazione, tra fuga dei cervelli e chi sceglie di restare

Mi sono spesso chiesto negli ultimi anni che valore l’Italia riconosceva ai suoi giovani e ho scoperto che nel Paese le posizioni sono spesso orientate non da convinzioni, bensì dal vento che soffia a favore della convenienza del momento, motivo per il quale sentirai parlare di choosy, bamboccioni, sdraiati una settimana e l’altra di risorsa, di occasione perduta e via dicendo. Questi nostri ...

Leggi Articolo »

L’agroalimentare salverà tutti?

L’Italia è uno dei pochi Paesi che riesce ad esprimere nel mondo un ecosistema di eccellenze che vanno dall’artigianato, all’industria, dai beni culturali a quelli paesaggistici, dalla manifattura, al design e naturalmente nella produzione di beni e prodotti agroalimentari, che da soli costituiscono ogni anno per il nostro Paese tra mercato interno ed export circa 250 miliardi di euro. Questo, ...

Leggi Articolo »

Il Sud non è il ghetto dell’Italia

La rincorsa a definire il Sud geneticamente modificato dalla crisi economica ed etica da scrittori, magistrati, imprenditori, politici e statisti di ogni piccola grandezza, che si affannano a scaricare su queste terre la loro incapacità e la loro responsabilità di non aver saputo fare il loro dovere o aver saputo svolgere il proprio compito, ormai assume quasi i contorni di ...

Leggi Articolo »

Una crescita sostenibile si costruisce un mattone “verde” alla volta

Il 13 Agosto è stata una data importante per la comunità internazionale, non certo perché un paio di giorni dopo si sarebbe celebrato in Italia il rito ferragostano, ma perché anche quest’anno abbiamo ulteriormente ridotto la capacità del nostro pianeta di rigenerare le risorse naturali, consumando in anticipo tutto il capitale che la Terra mette a nostra disposizione. Insomma l’Earth ...

Leggi Articolo »

Perché il Sud non è figlio di un Dio minore

Sono giorni di acceso, ennesimo, dibattito sul Mezzogiorno, scatenato dai dati del rapporto SVIMEZ, con i quali si certifica, in sostanza, il definitivo tracollo nel baratro del sottosviluppo di un’area fondamentale per il paese, abitata da circa 20 milioni di persone, con un potenziale economico, turistico, agricolo e culturale inespresso, che da solo rappresenta la migliore occasione di rilancio del ...

Leggi Articolo »

Il futuro dell’economia: “Sii il cambiamento (green) che vuoi vedere nel mondo”

In Italia nel corso dell’ultimo ventennio si è sempre parlato di industria e di ambiente come due elementi antitetici, considerandoli nemici giurati. Se da una parte si invocava la creazione d’impresa per costruire le premesse occupazionali utili a trovare un equilibrio sociale, dall’altro spesso si manifestava contro questa o quella installazione industriale considerata troppo inquinante e, con onestà, non si ...

Leggi Articolo »

Vale la pena investire in Italia?

Secondo una stima Eurostat ogni anno le aziende Italiane contribuiscono al gettito fiscale nazionale per oltre 110 miliardi di euro, che aggiunti ad una serie di tasse locali, di cui il paese è pieno, ed ai 95 miliardi di euro pagati per la previdenza, (dati Cgia di Mestre), che vanno sommati (dati Presidenza del Consiglio dei Ministri) ai 31 miliardi di ...

Leggi Articolo »

La forza dell’Italianità

Provare a guardare le cose da un’altra prospettiva è il compito più importante di chi tenta di fare impresa, perché da sempre e, forse oggi più che mai, il compito di chi si trova per caso, per fortuna o per scelta a svolgere l’attività di imprenditore è quello di anticipare il futuro, un sostantivo che spesso negli anni passati è ...

Leggi Articolo »

Se punti al futuro, devi passare da Milano

In Italia se si guarda al futuro con la F maiuscola, non si può non immaginare Milano, la nostra città più europea, quella nella quale si concentra la massima parte del nostro capitale finanziario e dulcis in fundo, la nostra capitale Morale e Culturale,  in questo contesto l’Expo2015 è solo uno dei tanti fattori che favoriscono nuova energia nel paese ...

Leggi Articolo »

Teatro San Carlo, grande opportunità o grande sconfitta

In queste ore a Napoli si sta sviluppando un dibattito sulla scelta del nuovo Sovrintendente del San Carlo di Napoli, e da cittadino di Napoli, amante dell’arte, della musica e della cultura nelle sue più alte forme, ma soprattutto in veste di imprenditore che ha anche aziende in Campania e di Presidente Nazionale dei Giovani Imprenditori di Confapi, mi sento ...

Leggi Articolo »